Via Cap. Alessio 96/B - 36027 Rosà (VI) Italia
Listrop Viaggi & Turismo S.r.l.
0424 584911

Myanmar: una meta rigenerante

11/11/2017, 14:15

Myanmar: una meta rigenerante

Il Myanmar, da noi meglio conosciuto come Birmania, è uno dei paesi del sud est asiatico che si affaccia sul Golfo del Bengala.
Con i suoi quasi 700 mila chilometri quadrati è il paese più grande dell'Indocina, grande quasi il doppio dell'Italia!
La sua estensione gli conferisce una morfologia geografica molto varia, con vette al nord che si innestano direttamente nella catena dell'Himalaya e foreste tropicali nella zona settentrionale.

Questa varietà arricchisce il paese con una vastità di ambienti e possibilità anche dal punto di vista turistico, rendendolo allo stesso tempo contraddittorio e affascinante. 

Dal punto di vista climatico, i mesi migliori per visitare il Myanmar sono quelli da novembre a febbraio, con piogge scarse e caldo tollerabile. 

Qui il popolo è genuino e accogliente; immersi nella natura e nella tradizione, la Birmania vi accoglierà con le sue case sulle palafitte che, affacciate su fiumi e laghi, vedono scorrere la vita e le faccende di tutti i giorni con serena lentezza. Questo paese è l'ideale per chi fosse alla ricerca di un'evasione dalla caoticità occidentale: i suoi paesaggi mozzafiato, i colori e i riti religiosi, tutto ciò porterà al visitatore una calma ed una meraviglia inaspettati.

La convivenza tra le etnie presenti in questo paese non è affatto facile. I birmani costituiscono il 69% della popolazione, ma anche a causa della posizione geografica, il paese ha forti affluenze di cinesi, pakistani, indiani e thailandesi. Oltre a ciò, in Birmania sono presenti 135 etnie, stranamente differenziate per posizione geografica piuttosto che differenze etnico-linguistiche. 

Una delle principali attrazioni turistiche del paese sono certamente i siti archeologici. Questo è dovuto principalmente al fatto che la Birmania è un paese multi-religioso, vedendo tra i suoi confini la difficile convivenza di buddhisti, cristiani e mussulmani.

L'esempio più chiaro del patrimonio archeologico immenso che è la Birmania è la piana di Bagan, che, nei suoi 40 kmq vede oltre 2 mila templi. Interamente disseminata di antichi e maestosi templi, questa piana è dichiarata patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO. 

Una volta sfamata la fame di storia e archeologia, in Birmania non mancano i luoghi dove potersi rilassare al sole. La posizione geografica, attraversato dal tropico del cancro, vede questo paese assestarsi su temperature abbastanza alte e costanti, rendendolo l'ideale per un soggiorno su spiagge da sogno. Immancabile la visita a Ngapali beach, un vero e proprio paradiso terrestre incontaminato. Acque cristalline e sabbia biancha fanno da padrone a questo luogo che ha dell'incredibile.

I resort e le strutture turistiche non sono molte ma vale la pena andarci per godersi il mare a pieno. Questo luogo inesplorato custodisce litorali con arenili dorati, case tipiche e acque perfettamente pulite. 

Certo, la Birmania, o Myanmar, non è un paese facile. Però visitarlo è una esperienza che vale la pena di essere vissuta poiché rimarrà nel cuore del viaggiatore per tutta la vita. 

Per informazioni contatta:
oppure compila il seguente modulo: