Via Cap. Alessio 96/B - 36027 Rosà (VI) Italia
Listrop Viaggi & Turismo S.r.l.
0424 584911

CAPODANNO in ETIOPIA del SUD

image1 image2 image3 image4 image5
€ 3.250,00

12 giorni

Da A
27/12/2017 07/01/2018
Tour lungo raggio
Per informazioni contatta:

0424 58 49 11

info@listrop.com

oppure compila il seguente modulo:
invia
La Valle dell’Omo

L’ultimo angolo del mondo dove vivono etnie che sembrano ferme nel tempo e da millenni tramandano la loro cultura ancestrale. Alla scoperta dei Borana, dei Konso,  degli Hamer, dei Mursi con le tradizioni dei corpi dipinti, delle donne con i piattelli labiali, con i colorati mercati e le cerimonie dove le danze parlano un linguaggio simbolico.

Stampa il programma

Programma giornaliero del viaggio

Ritrovo dei Signori Partecipanti, trasferimento all'aeroporto di Venezia e partenza per Istanbul. Arrivo nel pomeriggio e proseguimento in coincidenza per Addis Ababa. Arrivo in nottata, trasferimento in hotel, pernottamento.  

Prima colazione in hotel. Partenza per Langano, nel cuore della Rift Valley, a 1570 metri di altezza. Lungo il percorso visita dei siti archeologici di Melka Kunture, Tiya e la chiesa rupestre più a sud di tutta l'Etiopia, Adadi Mariam. Melka Kunture è un sito preistorico, rinvenuto nel 1963. Nel piccolo museo si può ammirare un'importante collezione di attrezzi di basalto utilizzati dall'homo erectus/sapiens. Proseguimento più a sud per Adadi Mariam, chiesa semi-monolitica di grandi dimensioni. Infine visita del sito archeologico di Tiya, annoverato tra i Patrimoni dell'Unesco: vanta molte stele funerarie antiche, decorate con incisioni misteriose di cui ancora oggi non si conosce il significato e l'origine. Pranzo lungo il percorso. Arrivo in serata a Langano, la meta di villeggiatura preferita dagli abitanti della capitale che amano ritrovarsi qui per godere del meraviglioso lago. Cena e pernottamento in lodge.

Pensione completa. Partenza al mattino presto per Arba Minch, attraverso un percorso molto suggestivo. Ai lati della strada asfaltata scorre il paesaggio ricco di vegetazione e puntellato da piccoli villaggi. Sosta a  Chencha a 2700 metri di altitudine. Gli abitanti di Chencha sono i Dorze, agricoltori e abili tessitori. Caratteristica dei Dorze cono le case, costruite con uno stile non riscontrabile altrove utilizzando un intreccio di fibra ricavata dall’albero di falso banano, alte sino a dodici metri e circondate da orticelli e verdi macchie di enset. Pranzo lungo il percorso. Arrivo in serata ad Arba Minch, sistemazione al lodge, cena e pernottamento.

Pensione completa con pranzo a sacco. Al mattino si parte per l’escursione sul lago Chamo per visitare il mercato dei coccodrilli dove ci sono i più lunghi coccodrilli dell’Africa, ippopotami e diverse specie di uccelli. Al termine proseguimento per Turmi visitando lungo la strada che passa da Dimeka, il territorio degli Hamer e dei Banna. Gli uomini portano i capelli acconciati in treccine attaccate alla testa e indossano bracciali di perline azzurre. Si prosegue per i villaggi degli Erbore, sono poche migliaia di individui, provengono da terre orientali e le porte delle loro capanne sono rivolte verso i luoghi d’origine).  Arrivo in serata a Turmi, sistemazione in lodge.

Pensione completa con pranzo a sacco. Partenza per la regione dei Karo, un popolo di lingua omotica, noti per le splendide decorazioni con cui adornano il corpo e il volto, usando coloranti vegetali e minerali. Queste decorazioni sono eseguite per l’amore del “bello” e non hanno particolari significati religiosi. Hanno una struttura atletica e in media misurano da adulti un metro e novanta. Le donne portano capelli corti e un chiodo nel labbro inferiore. Visita del villaggio di Korcho, costruito da capanne circolari in paglia. Rientro a Turmi e tempo permettendo visita di un villaggio del popolo Hamer.

Pensione completa con pranzo a sacco. Al mattino visita del mercato di Turmi, con la possibilità di osservare un vero mosaico di etnie, tra tutte spiccono gli Hammer che vengono a barattare semplici oggetti. E’ un’occasione per ritrovarsi e fare quattro chiacchere, un’occasione d’incontro. E’ un tripudio di colori: uomini snelli dalle teste piumate e i cercini d’argilla, donne hammer con il bignere, il pesante collare che indossano solo dopo il matrimonio, gonne di pelle di capra bordate di cauri, caschetti di treccine minuziosamente impastati con terra rossa e grasso animale, giovani banna a seni nudi, le fronti cinte di fili di perline colorate. Qui il tempo sembra essersi fermato. Al termine partenza per Omorate sulle rive del fiume Omo che scorre placido con il suo colore marrone verso il lago Turkana. Omorate è un grande villaggio dove vivono i Dassanch (Galeb) una tribù con usanze e tradizioni simili a quelle di popoli vissuti migliaia di anni fa sulle medesime terre. Si attraversano savane poco abitate e lungo il tragitto non è raro incontrare mandrie di bovini condotte da pastori nomadi spesso completamente nudi o vestiti solo con un perizoma e donne con pesanti carichi e con il corpo dipinto. Rientro a Turmi per visitare il caratteristico mercato settimanale.  

Pensione completa. Dopo la colazione partenza per Jinka, arrivo, sistemazione in lodge e subito dopo il pranzo partenza per visitare un villaggio della tribù dei Mursi nel Parco Nazionale di Mago. I Mursi sono famosi in tutto il mondo poiché le donne, per bellezza, usano mettere piattelli circolari di argilla nelle labbra, gli uomini invece hanno diverse scarificazioni a seconda del numero di animali catturati oppure dei nemici uccisi in battaglia, sono famosi anche perché usano bere il sangue del loro bestiame. E’ un popolo piuttosto diffidente e non sempre si riesce ad avvicinarli in maniera soddisfacente, ma il loro incontro rappresenta comunque una porzione forte di questo viaggio. Rientro a Jinka in serata.

Pensione completa con pranzo a sacco o ristorante locale. Dopo la prima colazione partenza per la visita di un villaggio del popolo Ari, popolo dalle origini cuscitiche. Gli Ari costruiscono villaggi ordinati, le loro capanne sono affrescate con dipinti dai colori naturali. I disegni murali ricordano i lavori degli aborigeni dell’Australia. Arrivo a Konso e sistemazione in lodge. Insediati in un ambiente collinare e pietroso, sedentari, i Konso abitano in villaggi frazionati e protetti da muri di pietra a secco, gli stessi che delimitano e sostengono i complicati terrazzamenti agricoli.

Pensione completa con pranzo a sacco. In mattinata partenza per El Sod, posto sull’orlo di un cratere ormai spento. Si scende a piedi lungo una mulattiera che conduce al lago salato che giace sul fondo del cratere (350 metri di dislivello), dall’alto questo lago appare come una macchia biancastra circondata da chiazze rossastre. In questo ambiente di eccezionale bellezza le condizioni di vita sono molto dure, ma i salinai continuano ad estrarre il sale secondo tecniche antiche e immutate nel tempo. Questa visione, è sicuramente uno dei momenti più intensi del viaggio sia per i colori che per il duro lavoro dell’uomo in un ambiente ostile. Al termine proseguimento per il villaggio di Dublock, nei territori dei Borana, i cui dintorni sono costellati dai famosi “ela” o “pozzi che cantano”,  Singing Wells, dai quali si estrae acqua per il bestiame. Gli allevatori si allineano per formare una catena umana, scendendo fino ad una profondità di 30 metri e, passano i contenitori d’acqua di mano in mano, cantano come per darsi forza e coraggio. Arrivo in serata a Yabelo.

Pensione completa. Pranzo lungo il percorso. Partenza per Yirgalem attraverso la regione delle genti Sidamo, una popolazione eterogenea del gruppo cuscitico. I Sidama in parte cristiani e in parte mussulmani sono ancora molto legati alle antiche credenze animiste. La popolazione vive in tukul dalla caratteristica forma “ad alveare” ed è dedita principalmente alla coltivazione di cereali, banae, tabacco, arachidi e caffè della pregiata qualità Arabica. Arrivo nel tardo pomeriggio, sistemazione in lodge. Tempo permettendo si potrà effettuare un piccolo trekking nella foresta che circonda il lodge per visitare le piantagioni di caffè.  

Prima colazione in lodge. Pranzo lungo il percorso. Partenza per Awassa lungo  la fertile terra della popolazione Oromo, termine generico con cui si indica un insieme di popoli di comune origine che occupano un territorio molto vasto, erano chiamati in passato con il termine  spregiativo di Galla (pagani). Arrivo in hotel ad Addis Ababa, camere in day-use. In serata cena in ristorante tradizionale con musiche e danze folcloristiche. Al termine trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea per Istanbul. Pernottamento a bordo.

 Arrivo a Istanbul di primo mattino e proseguimento in coincidenza per Venezia. Arrivo in mattinata.

La quota comprende:

-    trasferimenti da/per gli aeroporti in Italia e all’estero

-    voli di linea in classe economica

-    franchigia bagaglio di 30 kg a persona

-    tasse aeroportuali e carburante alla data del 30.06.2017

-    sistemazione in hotel 4 stelle ad Addis Abeba e i migliori disponibili nelle altre località,

-    tutti i pasti come da programma (diversi pranzi saranno con cestino da viaggio)

-    servizio di acqua minerale durante il tour nelle jeep  

-    tutte le visite ed escursioni in fuoristrada 4x4 con guida parlante italiano (4 persone per jeep)

-    tutti gli ingressi previsti nel programma

-    le mance agli autisti e guida

-    assicurazione medico / bagaglio

-    ns. accompagnatore.

La quota non comprende:

-    il visto d’ingresso USD. 52,00  

-    le camere singole (suppl. di €  300,00)

-    eventuali aumenti carburante e tasse d’imbarco

-    gli extra in genere

Polizza Annullamento viaggio (obbligatoria)    €  87,00

Documento indispensabile: PASSAPORTO individuale con validità di almeno 6 mesi dalla data di partenza del viaggio

La quota è stata calcolata in base al cambio del dollaro USA alla data del 30 giugno 2017. Eventuali oscillazioni del cambio la quota verrà adeguata.

All’iscrizione acconto di €  800,00